Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Stampa

Intervista a Mirko Pareccini



Breve intervista a Mirko Pareccini, che recentemente ha ottenuto un importante successo internazionale, conquistando la medaglia di bronzo Over 35 ai Mondiali Master disputati in Germania.
D - Mirko innanzitutto complimenti per l’ottimo risultato ottenuto in Germania. Dopo il secondo posto ottenuto negli Europei Master nel 2009, ti sei ripetuto anche quest’anno con la medaglia di bronzo nei mondiali. Come ti sei preparato per questo evento?R – La preparazione è stata lunga, è dall’inizio dell’estate che mi alleno quotidianamente, alternando agli esercizi tecnici in campo sessioni di allenamento fisico, sia in campo che fuori. Mi sono fermato solamente qualche giorno prima dei mondiali. Altrettanto importanti sono una equilibrata alimentazione ed i giusti riposi tra gli allenamenti.D - Quali sono gli obiettivi agonistici che ti sei prefissato per la prossima stagione?R - Dopo un 2009/2010 ricco di soddisfazioni, mi piacerebbe replicare il podio ai Campionati Italiani Assoluti e riconquistare il titolo veterani… oltre a giocarmi il posto nella Squadra Nazionale.D - Quali consigli puoi dare ai nostri agonisti che si apprestano ad iniziare la nuova stagione?R – Allenarsi con cura, per partecipare ai tornei occorre essere preparati fisicamente. Non è sufficiente giocare per essere preparati al meglio, consiglio di affidare la preparazione a tecnici competenti.D – In questi giorni inizia la tua collaborazione con la Federazione come tecnico giovanile. Parlaci di quello in cui consisterà il tuo nuovo incarico.R – L’incarico principale sarà quello di allenare i giovani. La struttura tecnica della quale faccio parte avrà il compito di formare i giovani atleti e di collaborare a stretto contatto con le società che svolgono attività giovanile. Un impegno importante e fondamentale per la crescita del nostro movimento, che mi auguro di compiere al meglio.