Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Stampa

Conosciamoli meglio...



Renzo Andorno è nato a Torino il 12 agosto 1969 e vive a Ghemme, in provincia di Novara.
Gestisce uno studio fotografico, tesserato alla Figs dal 1999, come agonista, tecnico federale ed ufficiale di gara, dal 2005 ricopre la carica di Presidente della SSD L’Incontro di Romagnano Sesia (NO).Renzo ha accolto con piacere il nostro invito a farsi conoscere un po’ di più come persona ed ha, quindi, risposto al questionario, qui di seguito liberamente tratto dal “gioco” di Marcel Proust.La caratteristica principale del mio carattere:
la determinazioneLa qualità che più apprezzo in un uomo:
sinceritàLa qualità che più apprezzo in una donna:
sincerità

Il mio principale difetto:

permalosoQuale sarebbe, per me, la più grande disgrazia:
che i popoli si diano battaglia e la guerra si trasformi nella distruzione totale della specie.Il fatto che mi ha cambiato la vita:
la perdita di mio padre, nel 2002La materia scolastica preferita:
disegno e tecnicaQuello che vorrei essere:
un biologo marinoLe città dove vorrei vivere:
ParigiI colori che preferisco:
azzurro e gialloLa pietanza che preferisco:
risotto alla milaneseL’animale che preferisco:
delfinoIl libro che preferisco:
“Volti” con le immagini di 40 anni di attività di mio padre Renato.Il pittore che preferisco:
MonetIl cantante (o la cantante) che preferisco:
Luciano LigabueL’attore (o l’attrice) che preferisco:
Julia RobertsLa trasmissione televisiva che più mi è piaciuta:
Scacciapensieri sulla TV SvizzeraIl mio più struggente ricordo:
l’inaugurazione nel 2005 dell’ospedale in NepalL’eroe (o l’eroina) che preferisco:
Giovanna d’ArcoIl nome che preferisco:
HelenaIl mio primo amore:
una bimba all’asilo ma son passati troppi anni….Quello che detesto più di tutto:
la maleducazioneI personaggi storici che disprezzo di più:
Hitler, Mussolini e tutti i dittatoriIl dono di natura che vorrei avere:
vorrei delle belle mani (visto che mi massacro a mangiar unghie)Come vorrei morire:
con la consapevolezza di aver lasciato una impronta del mio passaggioIl mio stato d’animo attuale:
serenoQuello che perdono più facilmente:
una piccola bugia